Home Stampa
LA "SICUREZZA" PER IL RILANCIO DELL'ECONOMIA PDF Stampa E-mail
Comunicati stampa
Scritto da Uria admin   

Nota del Presidente

Sono bastati meno di trenta secondi, per devastare l’Abruzzo quel 6 aprile di quattro anni fa. Meno di trenta secondi di terremoto che ha fatto balzare i sismografi fino a segnare una magnitudo 5,9 nella scala Richter. Meno di trenta secondi per spezzare 308 vite, ferire 1500 persone. E fare danni per 10 miliardi di euro, per cancellare il patrimonio storico ed artistico delle città, spazzare via il tessuto economico e sociale. E far perdere l’identità di una città come L’Aquila.

In occasione dell’anniversario di questa tragedia, il presidente del Senato Pietro Grasso ha affermato che “la ricostruzione dell’Aquila è una questione nazionale” e che “sia il Sindaco Cialente che il ministro Barca lo hanno rassicurato con una prospettiva di ricostruzione tra i 5 e gli 8 anni”.

Leggi tutto...
 
EDILIZIA, URIA «ITALIA MERITA UN GOVERNO, NON PLETORA AMMINISTRATORI» PDF Stampa E-mail
Comunicati stampa
Scritto da Uria admin   

COMUNICATO STAMPA

EDILIZIA, SAPIO (URIA) «ITALIA MERITA UN GOVERNO, NON PLETORA AMMINISTRATORI»


«Sono mesi che in Italia si parla di elezioni, votazioni, nomine, proposte, governissimi. Nel frattempo però il Paese continua ad attraversare una crisi congiunturale durissima, e non si fa nulla per cercare concretamente di affrontare le difficoltà con le quali ci dobbiamo misurare.

Non solo. A tutto questo si aggiungono quelle risposte auspicate e mai date su settori primari come la sicurezza dell’edificato: nel solo mese di marzo abbiamo registrato almeno 14 eventi sismici di magnitudo superore ai 3 gradi Richter. Ormai siamo così abituati a tali notizie che non si presta nemmeno più la dovuta attenzione a questi campanelli di allarme.

Da cittadini, prima che da tecnici, chiediamo che le Istituzioni ritrovino la dovuta responsabilità e agiscano. Si istituzionalizzi il programma di messa in sicurezza del patrimonio edilizio, si renda obbligatoria l’assicurazione e si istituisca un Fondo di garanzia per la messa in sicurezza del comparto.

Il Paese è in ginocchio: un nuovo evento come quello dell’Aquila o dell’Emilia lo lascerebbe nudo a leccarsi le ferite.

Non solo. Facciamo sommessamente notare come dal 28 febbraio lo Stato Vaticano è riuscito a richiamare a Roma i Cardinali residenti in tutte le parti del mondo, e in solo 5 votazioni eleggere il successore di Benedetto XVI al Soglio Pontificio ed è già pronto ad affrontare nuovi programmi e finalità. Una lezione, a prescindere dal valore della Fede, che i nostri amministratori dovrebbero apprendere, una volta per tutte. Perché l’Italia merita un governo, e non dei semplici amministratori»

È quanto dichiara in una nota il presidente dell’Uria, Giancarlo Sapio

Marzo 2013

magnitudo

2 marzo

Sicilia Pantelleria Lipari

3,7

2 marzo

Tirreno merid. Maratea Paola

3,0

3 marzo

Appennino bolognese

3,1

4 marzo

Aspromonte

3,3

4 marzo

Appennino forlivese

3,4

6 marzo

Appennino forlivese

3,1

7 marzo

Sicilia sett. Sant’Agata Militello

3,7

9 marzo

Gran Sasso

3,4

11 marzo

Mar Jonio Augusta Siracusa

3,5

11 marzo

Mar Jonio Augusta Siracusa

3,3

17 marzo

Pollino

3,2

17 marzo

Costa calabra Diamante

3,0

18 marzo

Zona Chianti Siena

3,6

18 marzo

Costa calabra Tropea Eolie

3,8

Roma 18 marzo 2013

 
SUL SITO WWW.URIAROMA.IT IL COMMENTO DEL PRESIDENTE SAPIO SUI FATTI DI NAPOLI PDF Stampa E-mail
Comunicati stampa
Scritto da Uria admin   

COMUNICATO STAMPA

SUL SITO WWW.URIAROMA.IT IL COMMENTO DEL PRESIDENTE SAPIO SUI FATTI DI NAPOLI

 

«Aspettiamo una chiara, inequivocabile e inderogabile presa di posizione da parte del nuovo Governo, a prescindere dai colori, dalle alleanze e dalle posizioni politiche. Cosa dobbiamo attenderci dal nuovo esecutivo? Responsabilità o il solito, stolto, inutile fatalismo nella speranza che nulla accada?»

 

È quanto si legge in una nota pubblicata sul sito www.uriaroma.it a firma del presidente Giancarlo Sapio

 

«Gli ultimi eventi, ma solo in ordine di tempo, che si sono verificati a Napoli hanno ribadito che il comparto immobiliare è fragile. Lo stabile di Riviera di Chiaia – si legge - seguito dal crollo di un edificio disabitato a San Giovanni a Teduccio, nella periferia di Napoli, sono indicativi dello stato di un settore sul quale i tecnici da anni, o da decenni, fanno sentire la loro voce senza tuttavia,e colpevolmente aggiungerei, non venire ascoltati».

 

«Chi governa – prosegue la nota - che mi permetto di far notare è ben lontano dall’essere un semplice amministratore, deve farsi carico di dare il via ad un programma di messa in sicurezza del patrimonio immobiliare. Lo deve fare in più fasi, partendo innanzitutto da una indagine conoscitiva dello stato del comparto dell’edificato e poi con un piano articolato di messa in sicurezza e risanamento».

 

Il testo completo è consultabile all’indirizzo http://uriaroma.it/notizie/352-sapio-a-margine-dei-disastri-di-napoli

 

 

Roma 8 marzo 2013

 
L'URIA: CROLLO PALAZZO A NAPOLI PDF Stampa E-mail
Comunicati stampa
Scritto da Uria admin   

COMUNICATO STAMPA

 

I crolli si succedono, la terra con una regolarità impressionante continua a tremare, gli eventi atmosferici provocano inondazioni, frane, perdite di vite umane, del patrimonio edilizio, di opere d’arte. Questa è la realtà del nostro territorio fragile

 

Leggi tutto...
 
COLOSSEO: QUALE FUTURO? PDF Stampa E-mail
Comunicati stampa
Scritto da Uria admin   

COMUNICATO STAMPA


L’Anfiteatro Flavio, universalmente conosciuto come il Colosseo, è una delle mete turistiche più visitate al mondo. Tante sarebbero le cose da dire sul Colosseo: che è diventato ormai il centro di un’enorme rotatoria stradale percorsa ogni giorno da migliaia di veicoli e sarebbe quindi il caso di studiare una soluzione per deviare e razionalizzare il traffico. Che è vergognosamente sporco, annerito dallo smog e dai gas di scarico di automobili e autobus (e ancora il restauro già finanziato non parte!). Che sarebbe da regolamentare la presenza dei camion-bar e dei rivenditori di souvenir, ormai troppo numerosi. Eccetera.

Ma oggi vogliamo richiamare l’attenzione su un altro problema, che a nostro parere è di più facile soluzione. Ormai da molti anni le arcate del piano terra sono chiuse da orribili cancellate realizzate con tubi Innocenti (quelli che si utilizzano per costruire i ponteggi quando si restaurano le facciate degli edifici). E’ mai possibile che non si riesca a trovare una soluzione più dignitosa e più consona all’importanza del monumento?

Si potrebbe bandire un Concorso Nazionale di idee (proprio Nazionale e non Internazionale) aperto a tutti, anche agli studenti, dal titolo: “Progetto di una cancellata a protezione delle arcate dell’ordine inferiore del Colosseo”, con un regolamento semplice e lineare, che non preveda infiniti vincoli.  I concorrenti vengono selezionati da una commissione giudicatrice formata da storici dell’arte, artisti, architetti, ecc. e chi ha l’idea più bella vince il concorso e di conseguenza riceve l’incarico di realizzare il progetto esecutivo.

Sarebbe una buona azione, facile e nemmeno troppo dispendiosa e se la meriterebbero prima di tutto il Colosseo, poi i Romani e infine i milioni di turisti che ogni anno vengono a visitarlo.

 

Roma, 11 gennaio 2012

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 4 di 14

Informazioni Profilo

Application afterLoad: 0.000 seconds, 0.69 MB
Application afterInitialise: 0.023 seconds, 1.67 MB
Application afterRoute: 0.028 seconds, 2.36 MB
Application afterDispatch: 0.118 seconds, 4.11 MB
Application afterRender: 0.137 seconds, 4.36 MB

Utilizzo Memoria

4645680

12 queries logged

  1. SELECT *
      FROM jos_session
      WHERE session_id = '6eleav9qarb8hajf67hmd448j5'
  2. DELETE
      FROM jos_session
      WHERE ( TIME < '1505820097' )
  3. SELECT *
      FROM jos_session
      WHERE session_id = '6eleav9qarb8hajf67hmd448j5'
  4. INSERT INTO `jos_session` ( `session_id`,`time`,`username`,`gid`,`guest`,`client_id` )
      VALUES ( '6eleav9qarb8hajf67hmd448j5','1505820997','','0','1','0' )
  5. SELECT *
      FROM jos_components
      WHERE parent = 0
  6. SELECT folder AS TYPE, element AS name, params
      FROM jos_plugins
      WHERE published >= 1
      AND access <= 0
      ORDER BY ordering
  7. SELECT id, title, alias
      FROM jos_jumi
      WHERE published = 1
  8. SELECT template
      FROM jos_templates_menu
      WHERE client_id = 0
      AND (menuid = 0 OR menuid = 50)
      ORDER BY menuid DESC
      LIMIT 0, 1
  9. SELECT c.*, s.id AS sectionid, s.title AS sectiontitle, CASE WHEN CHAR_LENGTH(c.alias) THEN CONCAT_WS(":", c.id, c.alias) ELSE c.id END AS slug
      FROM jos_categories AS c
      INNER JOIN jos_sections AS s
      ON s.id = c.SECTION
      WHERE c.id = 41
      LIMIT 0, 1
  10. SELECT cc.title AS category, a.id, a.title, a.alias, a.title_alias, a.introtext, a.fulltext, a.sectionid, a.state, a.catid, a.created, a.created_by, a.created_by_alias, a.modified, a.modified_by, a.checked_out, a.checked_out_time, a.publish_up, a.publish_down, a.attribs, a.hits, a.images, a.urls, a.ordering, a.metakey, a.metadesc, a.access, CASE WHEN CHAR_LENGTH(a.alias) THEN CONCAT_WS(":", a.id, a.alias) ELSE a.id END AS slug, CASE WHEN CHAR_LENGTH(cc.alias) THEN CONCAT_WS(":", cc.id, cc.alias) ELSE cc.id END AS catslug, CHAR_LENGTH( a.`fulltext` ) AS readmore, u.name AS author, u.usertype, g.name AS groups, u.email AS author_email
      FROM jos_content AS a
      LEFT JOIN jos_categories AS cc
      ON a.catid = cc.id
      LEFT JOIN jos_users AS u
      ON u.id = a.created_by
      LEFT JOIN jos_groups AS g
      ON a.access = g.id
      WHERE 1
      AND a.access <= 0
      AND a.catid = 41
      AND a.state = 1
      AND ( publish_up = '0000-00-00 00:00:00' OR publish_up <= '2017-09-19 11:36:37' )
      AND ( publish_down = '0000-00-00 00:00:00' OR publish_down >= '2017-09-19 11:36:37' )
      ORDER BY  a.ordering,  a.created DESC
      LIMIT 15, 9
  11. SELECT cc.title AS category, a.id, a.title, a.alias, a.title_alias, a.introtext, a.fulltext, a.sectionid, a.state, a.catid, a.created, a.created_by, a.created_by_alias, a.modified, a.modified_by, a.checked_out, a.checked_out_time, a.publish_up, a.publish_down, a.attribs, a.hits, a.images, a.urls, a.ordering, a.metakey, a.metadesc, a.access, CASE WHEN CHAR_LENGTH(a.alias) THEN CONCAT_WS(":", a.id, a.alias) ELSE a.id END AS slug, CASE WHEN CHAR_LENGTH(cc.alias) THEN CONCAT_WS(":", cc.id, cc.alias) ELSE cc.id END AS catslug, CHAR_LENGTH( a.`fulltext` ) AS readmore, u.name AS author, u.usertype, g.name AS groups, u.email AS author_email
      FROM jos_content AS a
      LEFT JOIN jos_categories AS cc
      ON a.catid = cc.id
      LEFT JOIN jos_users AS u
      ON u.id = a.created_by
      LEFT JOIN jos_groups AS g
      ON a.access = g.id
      WHERE 1
      AND a.access <= 0
      AND a.catid = 41
      AND a.state = 1
      AND ( publish_up = '0000-00-00 00:00:00' OR publish_up <= '2017-09-19 11:36:37' )
      AND ( publish_down = '0000-00-00 00:00:00' OR publish_down >= '2017-09-19 11:36:37' )
      ORDER BY  a.ordering,  a.created DESC
  12. SELECT id, title, module, POSITION, content, showtitle, control, params
      FROM jos_modules AS m
      LEFT JOIN jos_modules_menu AS mm
      ON mm.moduleid = m.id
      WHERE m.published = 1
      AND m.access <= 0
      AND m.client_id = 0
      AND ( mm.menuid = 50 OR mm.menuid = 0 )
      ORDER BY POSITION, ordering

File Lingua caricati

Stringhe Diagnostica non tradotte

Nessuno

Stringhe Designer non tradotte

Nessuno